Rinnovo contratto collettivo nazionale FIPE

Condividi l'articolo

FIPE: Rinnovato il Contratto Collettivo Nazionale. Riguarda i lavoratori di oltre 300.000 imprese a livello nazionale. Oltre 2.500 imprese nella sola provincia di Cremona.

Rinnovato il CCNL FIPE

Alessandro Lupi (Fipe)

Nei giorni scorsi è stato firmato il nuovo contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti dei settori dei Pubblici Esercizi, della Ristorazione Collettiva e Commerciale e del Turismo.
Si tratta di un contratto che a livello nazionale tocca oltre un milione di lavoratori e 300.000 imprese, di cui oltre 2.500 nella sola provincia di Cremona.
Il nuovo contratto collettivo prevede un aumento di 200 euro e il rafforzamento dell’assistenza sanitaria integrativa.

“Il CCNL FIPE, rappresenta il terzo contratto di lavoro più applicato nel nostro Paese dopo quello del Terziario e del settore Metalmeccanico” spiega Lupi “e rappresenta un risultato importante in vista dell’ormai imminente avvio della stagione estiva, come sottolineato dal nostro presidente nazionale Stoppani”.

Per il presidente Confcommercio Badioni: “Il Contratto Contratto Collettivo Nazionale FIPE, cosi come quello del commercio, turismo, servizi e trasporti, costituisce un presidio di legalità per operare in un mercato con regole chiare, migliorare la qualità dei servizi resi alla collettività e dare maggiori tutele ai lavoratori. Come Confcommercio siamo in prima linea per garantire tutto questo”.

Andrea Badioni Presidente Confcommercio Provincia di Cremona
In particolare, le Parti hanno previsto una significativa revisione della classificazione e dell’inquadramento del personale, fermi dagli anni Novanta, per renderli più rispondenti alle mutate esigenze del mercato e alle nuove tipologie di offerta. Sono state rafforzate inoltre le normative in materia di diritti individuali delle lavoratrici e dei lavoratori, come le misure di contrasto alle violenze e alle molestie nei luoghi di lavoro e i congedi per le donne vittime di violenza. Il contratto è stato sottoscritto anche da da Legacoop Produzioni e Servizi, Confcooperative Lavoro e Servizi e Agci-Servizi e riguarda più di 300.000 mila imprese in Italia.

Al 31 Marzo 2024 sono oltre 2.500 le imprese del settore registrare nella provincia di Cremona, di queste 2.200 sono quelle attive. Il 33% sono gestite da donne, la maggioranza sono di piccole dimensioni con una media di 3 dipendenti e classificate come ristoranti, fastfood o friggitorie.

Archivio

Commenti

Altre notizie

 

  • Più donne più lavoro: ricetta vincente contro la crisi

    Più donne più lavoro: ricetta vincente contro la crisi

    Dal 1995 al 2023 sono quasi 3,5 milioni i posti di lavoro in più nel terziario di mercato, con

  • Fondi per le imprese di Isola Dovarese e Torre de Picenardi

    Sono in arrivo i fondi per le impese di Isola Dovarese e Torre de Picenardi. .  16 imprese

  • Garufi a SHARE IT

    Giovani Imprenditori a Share IT: formazione e networking

    Davide Garufi, presidente di Confcommercio Giovani Lombardia e presidente dei Giovani Confcommercio Provincia di Cremona, ha preso parte