marzo, 2020

24marTutti i giorni31dic"Smart working": al via il bando della Regione Lombardia

Di più

Dettagli

Per chi ha almeno tre dipendenti

Regione Lombardia ha indetto un bando finalizzato alla promozione – nelle imprese lombarde – del lavoro agile. Si vuole sostenere l’adozione di piani di smart working. Una misura capace di coniugare l’aumento della produttività all’accrescimento del benessere di lavoratori e lavoratrici. La soluzione sta nell’applicazione di modelli organizzativi che consentano una maggiore flessibilità per quanto riguarda il luogo e i tempi di lavoro.

L’Avviso è rivolto ai datori di lavoro, iscritti alla Camera di Commercio o in possesso di partita IVA, con almeno 3 dipendenti, per

  • Azione A: servizi di consulenza e formazione finalizzati all’adozione di un piano di smart working con relativo accordo aziendale o regolamento aziendale approvato e pubblicizzato nella bacheca e nella intranet aziendale
  • Azione B: acquisto di “strumenti tecnologici” per l’attuazione del piano di smart working

Le attività dovranno essere svolte esclusivamente presso sedi operative o di esercizio lombarde.
Le domande potranno essere presentate a partire dal 2 aprile 2020 fino al 15 dicembre 2021.

Contributi a fondo perduto per complessivi 4.500.000,00 euro.

La dotazione finanziaria è pari a 4.500.000,00 euro.
L’agevolazione è concessa a fondo perduto sotto forma di voucher aziendale destinato ai soggetti in possesso dei requisiti.

Il valore del voucher varia in relazione al numero di dipendenti delle sedi operative/unità produttive attive e localizzate sul territorio di Regione Lombardia alla data di accettazione del finanziamento ed è fruibile all’interno di massimali.

Aggiunto un addendum relativo al COVID -19

Si informa che l’avviso è stato modificato con decreto n. 3516 del 18 marzo. È stato pubblicato un addendum che estende la possibilità di presentare la domanda di contributo sull’Avviso anche ai datori di lavoro che hanno introdotto il lavoro agile per i propri dipendenti nel periodo dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, a partire dal 25 febbraio 2020 per la durata dello stato di emergenza di cui alla deliberazione del Consiglio dei ministri 31 gennaio 2020 a condizione che:

  • presentino domanda di contributo, al momento dell’apertura del sistema informativo di Regione Lombardia a partire dal 2 aprile 2020 e fino al 15 dicembre 2021;
  • abbiano assolto agli obblighi previsti dall’art. 4 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 1° marzo 2020;
  • rispettino i requisiti e le prescrizioni previste dall’avviso e documentino di avere adottato lo smart working in via definitiva con un regolamento aziendale.

Dotazione Finanziaria

L’iniziativa è finanziata con risorse del POR FSE 2014-2020 – ASSE I “Occupazione”, a valere sull’Obiettivo specifico 8.6, Azione 8.6.1.
La dotazione finanziaria è pari a 4.500.000,00 euro, suddivisi come segue:

  • € 3.000.000,00 destinati alla realizzazione di interventi nell’ambito dell’Azione A – Supporto all’adozione del piano di smart working
  • € 1.500.000,00 destinati alla realizzazione di interventi nell’ambito dell’Azione B – Supporto all’attuazione del piano di smart working.

Chi può partecipare

Possono partecipare i soggetti che esercitano attività economica e che intendono adottare e attuare un Piano aziendale di smart working:

  • imprese, iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di competenza
  • soggetti in possesso di partita IVA

Ulteriori requisiti in comune per tutte le tipologie di beneficiari:

  • avere un numero di dipendenti almeno pari a 3
  • non essere già in possesso di un piano di smart working e del relativo accordo aziendale
  • risultare in regola rispetto alla verifica della regolarità contributiva
  • rispettare le previsioni di cui al Regolamento (UE) 1407/2013
  • non rientrare nei campi di esclusione di cui all’art. 1 del Reg (UE) 1407/2013.
Caratteristiche dell’agevolazione

L’agevolazione è concessa a fondo perduto sotto forma di voucher aziendale destinato ai soggetti in possesso dei requisiti elencati al paragrafo “Chi può partecipare”. Il valore del voucher varia in relazione al numero di dipendenti delle sedi operative/unità produttive attive e localizzate sul territorio di Regione Lombardia alla data di accettazione del finanziamento ed è fruibile all’interno di massimali (il dettaglio è disponibile nell’Avviso).

Come partecipare

Come sempre si può far riferimento ai nostri funzionari. er ulteriori informazioni è possibile inviare una e-mail a: segreteria@confcommerciocremona.it – bandi@confcommerciocremona.it o tel 0372 567639

 

 

Orario

Marzo 24 (Martedì) - Dicembre 31 (Venerdì)

Rispondi

Copyright © Confcommercio Cremona | Designed with ♥ by
Privacy Policy
X