Chi può restare aperto (per l’ultima ordinanza della Regione Lombardia)

SCARICA L’ORDINANZA COMPLETA

o leggi la sintesi

Desideriamo informarvi che il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha emanato l’ordinanza n.522 che integra e modifica l’ordinanza precedente su alcuni punti estremamente rilevanti per il nostro settore.
In particolare prevede i seguenti punti:

  1. il commercio al dettaglio di fiori e piante è consentito negli ipermercati e supermercati. Resta salva la possibilità di effettuare per tutti gli altri esercenti la vendita a domicilio;
  2. possono rimanere aperti i distributori automatici presenti all’interno degli uffici, delle attività e dei servizi e quelli, ovunque collocati, dei generi di monopolio e dei prodotti farmaceutici e parafarmaceutici;
  3. è consentita la consegna a domicilio per tutte le categorie merceologiche, anche se non comprese nell’allegato 1 del D.P.C.M. dell’11 marzo 2020 nel rispetto dei requisiti igienico sanitari;
  4. è consentita la vendita via internet, corrispondenza, telefono, televisione e radio di tutte le categorie merceologiche, secondo quanto previsto dall’allegato 1 del D.P.C.M. dell’11 marzo 2020;
  5. i mercati coperti possono aprire a condizione che il Sindaco del comune di riferimento adotti:
    • la presenza di un unico varco di accesso separato da quello di uscita;
    • sorveglianza pubblica o privata che verifichi il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro e il rispetto del divieto di assembramento;
  6. le attività di cui al codice Ateco 81.3 (cura e manutenzione del paesaggio) sono consentite limitatamente alla cura e manutenzione di parchi, giardini e aree verdi finalizzate alla prevenzione di danni e alla messa in sicurezza delle stesse aree.

Infine, con riferimento alle attività delle tabaccherie, segnaliamo che resta vietata la raccolta giochi a terminali, ma è consentita la vendita di gratta e vinci.

Alcune di queste novità rispondono in maniera soddisfacente ed esaustiva a molti quesiti portati all’attenzione di Regione Lombardia in questi ultimi giorni fornendo risposte chiare alle esigenze di molte delle nostre aziende.

Rispondi