Condividi l'articolo

Sintesi

il servizio di consegna di pasti a domicilio è soggetto al solo adempimento dell’aggiornamento del manuale di autocontrollo Haccp.

Pertanto, non è necessario alcun altro adempimento amministrativo (es. SCIA)

______________________

 

In riferimento alla possibilità da parte dei ristoratori (ristoranti, bar, pub, gelaterie, pasticcerie ecc..) di effettuare consegne di pasti a domicilio, fermo restando la chiusura degli esercizi in questo periodo di emergenza, si precisa quanto segue:

 

  • l’attività di consegna a domicilio di pasti deve essere svolta nel rispetto delle norme igienico-sanitarie e di protezione personale, sia per l’attività di confezionamento che per quella di trasporto

  • l’aggiunta dell’attività di consegna in proprio a domicilio da parte di imprese che già esercitano attività di produzione e somministrazione di pasti (oggetto di precedente SCIA alle autorità competenti) non è soggetta ad alcun ulteriore adempimento amministrativo;

  • il titolare dell’attività dovrà aggiornare il piano di autocontrollo inserendo questa modalità di consegna, utilizzare mezzi di trasporto e contenitori idonei e fornire ai clienti le necessarie informazioni sugli ingredienti, in particolare gli allergeni eventualmente presenti;

  • il titolare dell’attività dovrà gestire la cucina con il solo personale asintomatico necessario per effettuare questa attività, rispettando la distanza di 1 metro, sia tra il personale di cucina sia al momento della consegna, o indossare una mascherina.

Archivio

Commenti

Altre notizie

 

  • Più donne più lavoro: ricetta vincente contro la crisi

    Più donne più lavoro: ricetta vincente contro la crisi

    Dal 1995 al 2023 sono quasi 3,5 milioni i posti di lavoro in più nel terziario di mercato, con

  • Fondi per le imprese di Isola Dovarese e Torre de Picenardi

    Sono in arrivo i fondi per le impese di Isola Dovarese e Torre de Picenardi. .  16 imprese

  • Garufi a SHARE IT

    Giovani Imprenditori a Share IT: formazione e networking

    Davide Garufi, presidente di Confcommercio Giovani Lombardia e presidente dei Giovani Confcommercio Provincia di Cremona, ha preso parte